Contattaci per informazioni e preventivi: Tel. +39 0363 992424 | e-mail: info@dlsintered.com

shutterstock_1778671664-1

Come ridurre la porosità dei prodotti sinterizzati

I prodotti sinterizzati sono estremamente all’avanguardia, non a caso rappresentano un’eccellenza del Made in Italy, il cui settore siderurgico è particolarmente innovativo.

I materiali sinterizzati presentano benefici impareggiabili per chi li sceglie a patto, tuttavia, di avere una ridotta porosità (ad eccezione di quanto riguarda le boccole autolubrificanti).

Come ottenere questo tipo di combinazione? Attraverso trattamenti specifici che solo un know how di assoluto livello, come quello di DL Sintered, specializzata da oltre 40 anni nella lavorazione dei materiali sinterizzati e in particolare nella produzione di boccole autolubrificanti e parti meccaniche sagomate, riesce a garantire. In questo approfondimento vi raccontiamo qualcosa di più su come ridurre la porosità nei prodotti sinterizzati in modo da renderli ancora più efficaci.

Che cos’è la porosità?

Per capire come ridurre la porosità nei materiali sinterizzati è fondamentale aver chiaro il concetto di porosità. Quando si parla di porosità si intende, pertanto, una proprietà fisica, fondamentale nella maggior parte dei materiali, che si ottiene in base alla quantità di spazio vuoto (in rapporto al volume) presente all’interno del materiale stesso.

La porosità è un parametro imprescindibile per stabilire le prestazioni del materiale che possono essere più o meno alte a seconda del suo valore, in base al campo di applicazione.

La sua valutazione non è “automatica” da misurare, dal momento che si relaziona con altri elementi quali la forma e le dimensioni del prodotto.

Altro fattore da considerare è l’interconnessione tra gli spazi vuoti. Una caratteristica da non sottovalutare nei materiali sinterizzati, dove la porosità influisce direttamente sulla densità dei materiali.

Come ottenere la migliore porosità nei materiali sinterizzati

La sinterizzazione, conosciuta più comunemente come metallurgia delle polveri, vede alla base un procedimento fisico meccanico in cui si parte da un materiale ridotto in polveri, il quale è prevalentemente di origine metallifera, per poi ottenere componenti solide che presentano un livello impareggiabile, ad oggi, dal punto di vista della pregevolezza.

È possibile ridurre la porosità, con un impatto positivo sulla densità dei materiali, nella sinterizzazione, attraverso un trattamento specifico, disponibile tra le lavorazioni offerte da DL Sintered: quello della vaporizzazione.

Si tratta di una procedura di tipo termochimico che riesce a garantire tramite, appunto, il vapore, la chiusura dei pori nel prodotto sinterizzato. Possiamo affermare, pertanto, che la vaporizzazione è una delle tecniche tipiche della sinterizzazione, in grado di portare un valore aggiunto dal punto di vista delle proprietà e delle qualità nei metalli sinterizzati.

I vantaggi del trattamento di vaporizzazione per i materiali sinterizzati

Il trattamento di vaporizzazione permette di portare ai massimi livelli le peculiarità dei materiali sinterizzati. Nello specifico, i benefici che consente di conseguire sono:

  • Resistenza alla ruggine.
  • Maggiore resistenza meccanica in generale.
  • Maggiore resistenza meccanica ai gas.
  • Maggiore resistenza all’usura.
  • Maggiore Durezza

Come si può vedere, i benefici che la vaporizzazione porta nella sinterizzazione metalli sono diversi e a tutto tondo. DL Sintered, con la sua esperienza di oltre 40 anni, riesce a eseguire questo trattamento, ma non è il solo, in maniera impeccabile, così da poter sfruttare al massimo le elevate prestazioni garantite dalla sinterizzazione.

Articoli correlati

6 Luglio 2022

La sinterizzazione dei metalli viene effettuata per dare resistenza ad un dato materiale, con l'obiettivo di modellare le polveri metalliche,...

LEGGI
29 Aprile 2022

Nell’ultimo secolo si sono sviluppate tecniche via via sempre più avanzate per migliorare e rendere più semplici i vari processi...

LEGGI